Quando il foglio sarà bianco e non ci sarà niente da scrivere, tutto rimarrà stipato dentro in attesa del miracolo.
Ogni cosa cercherà lettere che le somiglino per rendersi visibile agli altri ed uscire dalla mia testa tormentata in cui non si respira.
Entrerà nella penna un pensiero e ne uscirà un significato: la paura diverrà parola. Il caos verrà disposto in ordine sopra ai quadretti della pagina e per un po’ di tempo mi sentirò ordinata anch’io.
Anche quel che non mi lascia stare avrà finalmente un nome per potersi sistemare tra le righe in mezzo al resto e tutto sembrerà aver trovato per un attimo il proprio posto.
Ed io allora, libera da ciò che c’era prima, aspetterò di nuovo in silenzio quell’assurdo momento che conferisce forma a tutto. 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: